#VeronaTrento 1-3: cronaca e tabellino

21/01/2018

#VeronaTrento 1-3: cronaca e tabellino
VERONA - Il 31° derby dell'Adige va a Trento, che in un AGSM Forum caldissimo vince per 3-1. 

Coach Grbic decide di mandare in campo Spirito in cabina di regia e Stern opposto, Pajenk e Birarelli al centro, Jaeschke e Manavinhezad di banda e Pesaresi libero.

L’inizio della gara è molto equilibrato, con le due squadre che prendono le misure una sull’altra. Trento dà un’accelerata approfittando di un errore di Manavinhezad, ma un muro di Jaeschke su Vettori tiene Verona al passo (9-10). Un tocco del muro veronese, rilevato dal video check, permette a Trento di allungare sul 14-10, strappo che Calzedonia non riesce a ricucire, nonostante l’ingresso in campo più che positivo di Djuric (20-25).
 
Di tutt’altro carattere è l’inizio del secondo set, cominciato con un muro su Lanza e con un buon lavoro della difesa: Lorenzetti è costretto a chiamare time out sul 4-1 per Verona. Trento, però ritorna in gara con un turno micidiale al servizio di Carbonera (4-5), poi si battaglia punto a punto. L’ex di turno Kovacevic firma il break trentino, aiutato nuovamente dal servizio di Carbonera (12-14), ma Calzedonia approfitta di alcune imprecisioni trentine per pareggiare e mettere la freccia per il sorpasso (17-16). Il rush finale è giocato sul filo del rasoio, poi si ripete quello che è successo a inizio del parziale: Carbonera in battuta, Kovacevic realizza (22-20). È infine Kozarmernik a chiudere i conti e a portare i suoi sul 2-0 (23-25).

Verona non si arrende: ottimo inizio di terzo parziale per i padroni di casa, che con un ace e un muro si portano subito sul 3-1. Dopo un equilibrio dovuto a scambi a favore di una parte e dell’altra, Verona trova il break lavorando bene in difesa e a muro (11-8), ma poi ne disperde una parte quando non approfitta dei contrattacchi a disposizione (14-12). Un ace di Manavinhezad prima e uno di Mengozzi poi allungano in vantaggio di Verona (17-14), un recupero-miracolo di Manavinhezad viene valorizzato da un muro di Stern su Kovacevic (20-16). Mengozzi si infortuna e abbandona il campo tra gli appalusi dell’AGSM Forum e viene sostituito da un ottimo Birarelli, che mette subito a segno un muro (22-17), poi ci pensa Stern in battuta (23-18) e in attacco (25-19).
 
In apertura di quarto set Trento trova subito il vantaggio, sfruttando il lavoro del muro (4-2),ma Verona pareggia con un muro di Jaeschke su Vettori, poi allunga con Stern che ferma Kovacevic (9-8). Trento cerca una via di fuga con gli attacchi dal centro (11-13), poi Kovacevic fa male con il servizio (11-16). Verona non si dà per vinta e risponde con un buon Jaeschke (18-20);  Trento, però, allunga ancora fermando l’attacco di Manavinhezad (19-22), infine ci pensa Kovacevic a chiudere i giochi (20-25).

CALZEDONIA VERONA – DIATEC TRENTINO 1-3 (20-25, 23-25, 25-19, 20-25)

Calzedonia Verona: Spirito 4, Stern 14, Jaeschke 16 , Birarelli 3, Pajenk 6, Manavinezhad 12, Djuric 4, Pesaresi (L), Marretta 0, Mengozzi 3, n.e.: Paolucci, Grozdanov, Frigo (L). All. Grbic

Diatec Trentino: Giannelli 2, Vettori 8, Lanza 12, Kovacevic 26, Carbonera 11, Kozamernik 7, Hoag 0, Zingel 0, Teppan 0, Chiappa (L), n.e: Partenio, Cavuto.  All. Lorenzetti

Arbitri: Santi - Gnani

STATISTICHE

CALZEDONIA VERONA: Attacco 45%, Ricezione 41% (perfetta 15%), Muri 12,  Battute: ace 5, sbagliate 20

DIATEC TRENTINO: Attacco 51% , Ricezione 55% (perfetta 26%), Muri 7, Battute: ace 8, sbagliate 20

NOTE

MVP: Uros Kovacevic - Spettatori: 4.421: – Durata dei set: 27’, 31’, 26’, 32’  - Totale:  116’

Nikola Grbic (Calzedonia Verona): “Ci manca la cattiveria con le squadre di prima fascia. Dobbiamo crescere da questo punto di vista, riuscire a trovare l’equilibrio, nonostante si giochi ogni tre giorni. Giovedì sera abbiamo la possibilità di rifarci, dobbiamo assolutamente vincere contro Latina.”

Angelo Lorenzetti (Diatec Trentino): ““Abbiamo giocato una buona partita, iniziando il match con la giusta intensità, personalità e mentalità. Kovacevic ha fatto una grande partita, ci ha trascinato in alcuni momenti, ma non è stato l’unico a giocare bene e a farlo con la testa giusta. Temevamo molto la loro fisicità, siamo riusciti a contenerla per la maggior parte del match fra muro e difesa. Siamo contenti perché col successo odierno iniziamo nel miglior modo un ciclo di partite in trasferta molto delicato ed importante; magari non riusciremo sempre ad avere la meglio ma è fondamentale aver messo subito sul tavolo quello che volevamo mostrare”.
 
SCARICA IL TABELLINO DEL MATCH
Sigla.com - Internet Partner
Condividi facebook share twitter share pinterest share