Una grande rimonta, ma non basta: gara 1 è di Trento

11/03/2018

Una grande rimonta, ma non basta: gara 1 è di Trento
TRENTO - Cuore immenso, carattere da big. Ma è mancato il graffio decisivo. Calzedonia Verona soffre, ribalta la gara e s'impone fino al punto numero 13 del tie-break. Poi Passa Trento. E Gara 1 è sua. Il ritorno sabato 17 marzo alle 20.30 all'Agsm Forum di Verona.

Il derby dell’Adige, versione Play Off, per la prima volta in questa stagione rispetta il fattore campo. Dopo le due vittorie esterne fatte registrare in regular season, la Diatec Trentino stasera al PalaTrento è stata brava a conservare il vantaggio fornito dal giocare la gara inaugurale della serie di fronte al proprio pubblico superando al tie break la Calzedonia al termine di una partita vibrante e tiratissima.

Per spuntarla i padroni di casa hanno dovuto contenere il ritorno veemente degli scaligeri che, sotto 2-0, hanno saputo piano piano risalire la china e costringere la squadra di Lorenzetti a tirare fuori tutto il proprio carattere per portarsi a casa l’1-0 nella serie. In una partita che spesso ha offerto momenti di grande pallavolo e lotta punto a punto, a fare la differenza alla fine sono stati i muri di Kozamernik (5, fra cui quello che ha deciso 15-13 il quinto set), i 25 punti di Kovacevic e i buoni momenti di Vettori, alla fine mvp.

Verona ci ha provato fino all’ultimo con Jaeschke e Stern, ma è uscita dal PalaTrento sconfitta e con addosso la sensazione di aver perso una grande occasione.
 

Simone Giannelli (Diatec Trentino): “Sapevamo che Verona era una formazione molto vicina al nostro livello, quindi non ci ha stupito che la contesa potesse essere punto a punto sino alla fine. Siamo stati bravi a restare concentrati sino alla fine, anche quando la Calzedonia è stata in grado di pareggiare i conti sino al 2-2, poi anche con un po’ di fortuna abbiamo portato a casa un successo importantissimo, che dimostra come siamo una squadra solida in costante crescita rispetto al passato”.

Nikola Grbic (Calzedonia Verona): “Il nostro rammarico è tutto per non aver vinto il primo set in cui abbiamo avuto percentuali d’attacco davvero alte. Ad ogni modo questi sono i playoff e dobbiamo accettare anche di perdere in questa maniera. Dobbiamo subito ricalibrare le nostre energie e pensare ai prossimi appuntamenti, fra cui anche quello in Coppa CEV ancora prima di gara 2”.

IL TABELLINO

Diatec Trentino-Calzedonia Verona 3-2
(25-23, 25-17, 19-25, 24-26, 15-13)

DIATEC TRENTINO: Vettori 16, Lanza 12, Eder 9, Giannelli 5, Kovacevic 25, Kozamernik 10, De Pandis (L), Chiappa (L), Hoag 5, Zingel. N.e. Cavuto, Teppan, Partenio.  All. Angelo Lorenzetti.
CALZEDONIA VERONA: Maar 5, Birarelli 3, Spirito 2, Jaeschke 18, Pajenk 5, Stern 16, Pesaresi (L); Mengozzi 8, Manavi 8, Marretta, Frigo (L). N.e. Gorzdanov, Magalini e Pedroni. All. Nikola Grbic.

ARBITRI: Boris di Pavia e Rapisarda di Udine.
DURATA SET:   27’, 29’, 28’, 33’, 22’; tot  2h e 19’.

NOTE: 3.237 spettatori per un incasso di 22.771 euro. Diatec Trentino: 12 muri, 4 ace, 23 errori in battuta, 10 errore azione, 53% in attacco, 41% (26%) in ricezione. Calzedonia: 7 muri, 8 ace, 19 errori in battuta, 6 errore azione, 46% in attacco, 46% (25%) in ricezione. Mvp Vettori.
Sigla.com - Internet Partner
Condividi facebook share twitter share pinterest share