Tortu, oggi i 100 mt agli Europei nel segno di Di Giorgio

07/08/2018

Tortu, oggi i 100 mt agli Europei nel segno di Di Giorgio
VERONA - Scenderà sulle corsie dell'Olympiastadion di Berlino per provare a vincere e ad esaltare i colori azzurri, ancora una volta. Filippo Tortu, questa sera, sarà fra i protagonisti degli Europei di Berlino, nella specialità dei 100 metri. Al suo fianco, silenzioso ma decisivo nella volata che ha portato il giovane azzurro a infrangere il record di Mennea, Flavio Di Giorgio, preparatore atletico BluVolley, che da due anni lavora con lui.
Ieri, Di Giorgio si è raccontato a "La Gazzetta dello Sport", fra volley e atletica, per rivivere un percorso che, tramite la crescita dei suoi atleti, racconta anche la sua.

"Con Tortu ci fequentiamo dall'agosto 2016, quasi per caso. Era stato fermo oltre tre mesi per infortunio, c'era ancora qualcosa che non andava. Ci accorgemmo che il muscolo femorale sinistro era più corto del destro, nei primi mesi abbiamo pensato solo a quello. I margini di miglioramento erano e sono infiniti, Tortu ha enormi capacità elastiche, di reativvità soprattutto sul lanciato. Muscolarmente è un Lewis, un Van Niekerk, fine come loro. L'eccessivo carico sarebbe dannoso. A volte, poi, dimentico che ha vent'anni: è un ragazzo maturo in tutti i sensi. Una massima inglese dice che una piramine è alta quanto è larga la base. Occorre costruire. Pure a livello di stretching: do a Filippo tante opzioni, e lui ne sceglie tre o quattro. Mi chiede due numeri a tre cifre da moltiplicare mentalmente. E' rapido come con le gambe, non sbaglia quasi mai. E poi ci divertiamo con grandi sfide: miriamo un oggetto lontano e lo colpiamo. Sta benone, farà scintille".
 
Sigla.com - Internet Partner
Condividi facebook share twitter share pinterest share