Serie B. Calzedonia Verona cede contro la capolista Ferrara

06/12/2016

Serie B. Calzedonia Verona cede contro la capolista Ferrara
Questo fine settimana, presso il PalaVilla, la serie B Calzedonia Verona ha affrontato Ferrara, reduce da una scia positiva di vittorie che l’hanno portata in vetta alla classifica con ben 17 punti. Verona, che non vuole essere da meno, comincia il match con grinta. Maroldi, in campo per sostituire Loglisci infortunato, si fa strada da grande esperto con ricezioni perfette e piazzando palloni studiati, smistati abilmente da Bernabè. Il primo tempo tecnico suona sull’8-3 per Verona. Al rientro in campo, Ferrara inizia ad innescare i suoi giocatori migliori che portano in parità il punteggio. La partita continua punto su punto con ottime azioni da entrambe le parti. Un paio di difese decisive messe in atto dalla BluVolley ci permettono di allungare il punteggio sul 21-19. Peslac, in battuta, mette in difficoltà la formazione avversaria e trascina i suoi a +2. Il set viene chiuso da Verona con un mani fuori di Speringo. Nella seconda frazione di gioco le squadre entrano cariche, calcano il parquet con l’obiettivo unico di voler portare a casa il bottino. Drago, schiacciatore ferrarese, dai 9 metri piazza alcune battute insidiose costringendo Flisi a bloccare il gioco sul 3-6. Maroldi mantiene carichi i veronesi gestendo al meglio il posto 4 e Speringo, che spreca dei palloni al servizio, si rifà dalla seconda linea. Il buon gioco non manca, ma Ferrara è una corazzata che non pecca in nessun fondamentale e il secondo tecnico la vede avanti sull’8-16. Verona non riesce a reagire e si arrende ai continui colpi ferraresi. Flisi prova ad immettere Loglisci in prima linea, al posto di un Peslac poco incisivo. Un solo errore in battuta di Ferrara permette a Verona di agguantare la doppia cifra del parziale e Loglisci in battuta recupera un leggero margine piazzando due ace. È Ferrara che detta legge e, dopo un incomprensione tra le fila di Verona, si aggiudica il set con il punteggio di 19-25. Il terzo set vede Ferrara partire ai massimi livelli e Verona non molla la presa: i due centrali, Zanini e Ungureanu, murano e attaccano con decisione riportando il punteggio sull’8 pari. Maroldi alza la voce e continua a trasportare i suoi, ma in battuta è il turno di Drago che va a scalfire nuovamente la ricezione gialloblu. Rientra Loglisci al posto di Peslac, ma niente può al momento fermare gli avversari che vanno al secondo tecnico sull’11-16. In campo si prova a trovare una soluzione e vengono innestati Ravelli su Speringo e Modniki su Zanini. Entrambe le riserve piazzano un punto per Verona, Flisi chiama il time out sul 14-22 e, sebbene ci sia la volontà, Verona soccombe nel terzo parziale per 17-25. I ragazzi allenati da Martinelli non si lasciano intimidire e continuano la loro corsa al bottino in questo quarto set. I padroni di casa non vogliono fare brutta figura davanti al numeroso pubblico accorso per vedere il match e provano a rimanere a galla anche se sotto di 4 punti. Speringo sembra riaffiorare e mette a segno un paio di punti che risollevano un po’ il morale. Il secondo tempo tecnico giunge sull’’11-16. Ferrara non si ferma e Flisi chiama time out sul 13-20 per sperare di sbloccare qualche meccanismo. Nessun attaccante veronese riesce a valicare il muro imponente ferrarese. Qualche svista degli ospiti fa prendere fiato alla Calzedonia Verona che recupera una manciata di punti sul finale. Ferrara è però proiettata alla vittoria e chiude con il punteggio di 19-25. Complimenti agli ospiti che hanno portato in campo un ottimo gioco, ordinati e puliti in tutti i fondamentali, brava anche Verona che non ha mollato e ha dimostrato di sapere giocare una splendida pallavolo. 
Sigla.com - Internet Partner
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share