La Calzedonia Verona vince a Molfetta. Vittoria bellissima al tie break

08/11/2015

La Calzedonia Verona vince a Molfetta. Vittoria bellissima al tie break
EXPRIVIA MOLFETTA - CALZEDONIA VERONA 2-3 (22-25, 25-22, 19-25, 25-20, 14-16)
EXPRIVIA MOLFETTA: Candellaro 11, Randazzo 12, Mariella, Del Vecchio, De Barros Ferreira 17, Barone 8, De Pandis (L), Hierrezuelo 10, Fedrizzi 2, Hernandez Ramos 16. Non entrati Spadavecchia, Porcelli. All. Gulinelli. 
CALZEDONIA VERONA: Zingel 12, Kovacevic 23, Pesaresi (L), Gitto 1, Lecat, Spirito 1, Frigo (L), Baranowicz 2, Starovic 15, Bellei, Sander 19, Anzani 6. Non entrati Bucko. All. Giani. ARBITRI: Piana, Gnani. 
NOTE - Spettatori 1274, incasso 5483, durata set: 29', 31', 28', 30', 19'; tot: 137'.
 
Molfetta. La Calzedonia Verona vince la sua seconda partita in trasferta consecutiva. Dopo i tre punti di Latina, ne arrivano due dal match del PalaPoli contro l’Exprivia Molfetta al termine di una partita bellissima e combattuta fino all’ultimo pallone che mantiene i gialloblù in vetta alla classifica, con 8 punti ma un match disputato in più. I gialloblù di Andrea Giani riescono, nell’ultimo set, a ribaltare il risultato in campo, dopo il cambio campo sotto per 8 a 6. Una prova importante quella della Calzedonia Verona, trascinata da Uros Kovacevic, MVP della partita e autore di 23 punti con il 73% di positività in attacco. 
Andrea Giani conferma la squadra vittoriosa a Latina con Baranowicz palleggiatore, Starovic opposto, Kovacevic e Sander schiacciatori, Zingel e Anzani al centro con Pesaresi libero. 
Molfetta replica con Hierrezuelo ed Hernandez in diagonale principale, Randazzo e Joao Rafael schiacciatori, Candellaro e Barone al centro e De Pandis libero. 
La gara è piacevole fin dalle primissime battute. Molfetta scappa (2-0), la Calzedonia rincorre e sorpassa con Zingel che schiaccia di prima intenzione il 2 a 3. Anzani continua a prendere di mira Randazzo in ricezione, la difesa di Verona è attenta e precisa. Starovic colpisce ancora, questa volta per il 2 a 5 con Gulinelli che chiama il primo time out del match.  Al rientro in campo l’Exprivia recupera fino al 6 a 6, dopo un errore di Sander da posto 4. Dopo il momentaneo vantaggio di Molfetta, Kovacevic colpisce due volte consecutive che valgono il 9 a 11. Le due squadre mostrano un gioco equilibrato e mantengono le distanze fino 16-18, Giani riordina le idee ai suoi con un time out sul 18 a 19. Finale acceso, con atmosfera infuocata al PalaPoli. Hierrezuelo manda out di seconda intenzione; un errore che proietta Verona sul 19 a 22 del primo set, poi vinto per 22 a 25. 
L’apertura secondo parziale vede la Calzedonia Verona protagonista con il turno al servizio di Taylor Sander che propizia il break dal 3 a 2 al 3 a 6, messo in cascina con i muri di Zingel e Kovacevic. L’Exprivia fa leva sull’entusiasmo del pubblico mentre la Calzedonia diventa fallosa in attacco. Hernandez conquista l’ace dell’11 a 9, poi Sander attacca out e i padroni di casa allungano sul 12 a 9. La Calzedonia fatica, i ragazzi di Gulinelli spingono sull’acceleratore fino al 15-11. La Calzedonia prova in tutti i modi il recupero. Zingel ferma prima Hernandez e poi Joao Rafael, poi l’ace di Sander vale il 21 a 20. Nel finale la spunta Molfetta che continua a martellare con grandi percentuali. Il finale è di 25 a 22.
Molfetta parte meglio nei primissimi punti del terzo parziale ma ci pensa subito Anzani, con un turno al servizio efficace, a mettere pressione alla formazione di casa. Sander colpisce con precisione, la Calzedonia allunga fino al 3 a 5 poi l’americano stampa un muro perfetto ad Hernandez per il 5 a 8. Gulinelli manda in campo Fedrizzi per Joao Rafeol ma proprio l’ex gialloglù commette l’errore in ricezione che regala a Verona il +5 (8-13). Il break non è finito qui perché Kovacevic ed un altro ace di Zingel portano la Calzedonia sull’8 a 15. Verona gestisce alla perfezione il finale di parziale, chiudendolo a proprio favore per 19 a 25. 
Il quarto set si apre con grande equilibrio. Le due formazioni viaggiano appaiate nel punteggio fino al 5 a 5, prima del break di Molfetta che allunga sull’8 a 6, prontamente recuperato dalla Calzedonia che va a segno con Anzani e Zingel, a muro. L’asse cubana Hierrezuelo – Hernandez confeziona il nuovo break d vantaggio della formazione di casa che costringe Giani al time out sull’11 a 9; al rientro in campo è ancora Molfetta a conquistare ancora punti, fino al 15 a 9. Lecat prende il posto di Sander e Starovc mette giù la palla che chiude il break di Molfetta (15-10). Inizia la lunga rincorsa di Verona che punto dopo punto accorcia le distanze. Kovacevic va a segno due volte consecutive e firma il 19 a 17 poi arriva l’errore al servizio di Baranowicz e quello in attacco di Anzani. Molfetta torna sul +4, che gestisce nel finale. Randazzio chiude sul 25 a 20. 
Break e contro-break aprono il tie break. Subito avanti Molfetta, poi il pronto pareggio di Verona. Candellaro schiaccia il 3 a 2 e Starovic risponde sul 3 a 3 e con questo grande equilibrio si arriva fino 5 a 5. Spirito salva una palla impossibile, poi Kovacevic mura Hernandez per il primo vantaggio della Calzedonia al tie break (5-6). Molfetta torna subito avanti e al cambio campo conduce 8 a 6. La gara si fa bellissima e quando Gitto mura Randazzo, la Calzedonia torna a condurre sull’11 a 12. La pipe di Sander e il muro di Anzani su Joao chiudono la gara sul 14 a 16. 

Sigla.com - Internet Partner
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share