La Calzedonia Verona chiude al 4° posto il Trofeo Città di Villafranca. Modena passa per 3 a 1

18/09/2016

La Calzedonia Verona chiude al 4° posto il Trofeo Città di Villafranca. Modena passa per 3 a 1
Calzedonia Verona – Azimut Modena 1-3 (25-19, 13-25, 20-25,21-25)
Calzedonia Verona: Zingel ne, Kovacevic 21, Paolucci, Baranek, Giovi (L), Baranowicz 4, Holt 9, Frigo, Mengozzi8, Stern 12, Anzani 3, Zanini ne. All. Giani
Azimut Modena: Cook ne, Ferrari ne, Petric 12, Orduna 2, Massari 1, Rossini (L), Ngapeth S. ne, Ngapeth E. 12, Le Roux ne, Piano 10, Holt 9, Onwuelo ne, Zanni ne, Vettori 13. All. Piazza
Villafranca di Verona – Sconfitta in quattro set per la Calzedonia Verona nella finale che valeva il terzo posto al Trofeo Città di Villafranca. Azimut Modena si è imposta con il punteggio di 1 a 3 al termine di una gara che ha comunque divertito i 1400 spettatori presenti nel nuovo impianto, tutto esaurito anche nella seconda giornata. Kovacevic è stato il grande protagonista del match con una prestazione fatta di 21 punti, 20 in attacco con il 59% e 1 a muro. La Calzedonia Verona, aspettando ancora il pieno recupero di Zingel e il rientro di Djuric, Ferreira e Lecat, si porta comunque a casa una buona prestazione generale, chiudendo il match con il 51% di positività in attacco, 8 muri e 4 ace.
La Calzedonia Verona scende in campo con la stessa formazione che ha disputato il match di sabato contro Trento: Baranowicz in cabina di regia, Stern opposto, Kovacevic ed Holt schiacciatori, Mengozzi ed Anzani al centro con Giovi libero. Modena risponde con Orduna al palleggio, Vettori opposto, Holt e Piano al centro, Ngapeth e Petric schiacciatori con Rossini libero.
Calzedonia Verona ed Azimut Modena si danno battaglia in avvio di match. Le due formazioni giocano alla pari fino a quando i gialloblù scaligeri si superano in difesa, con Kovacevic che diventa protagonista delle azioni in attacco (9-7). Dalle mani dello schiacciatore serbo passano gran parte dei palloni ma dal turno al servizio di Ngapeth nasce la rimonta dei canarini che passano a condurre al time out tecnico (11-12). Al rientro in campo arriva l’allungo dei ragazzi di Piazza che dopo un attacco difeso su Mengozzi, colpiscono per mano di Petric (12-14). Il muro di Baranowicz sul giocatore serbo rimette tutto in parità (14-14) poi l’ace di Holt riporta avanti la Calzedonia (15-14). Piazza è costretto al time out sul 16-14 ma al rientro in campo è ancora Kovacevic ad andare a segno. Lo schiacciatore diventa infermabile e guida Verona ai quattro punti di vantaggio con i ragazzi di coach Giani che chiudono sul 25 a 19 con un muro di Mengozzi su Holt.
L’inizio del secondo set vede Modena prevalere fino allo 0-4, poi la Calzedonia registra difesa e attacco, accorciando fino al 3 a 5. Gli errori e le imprecisioni fanno la differenza, Giani chiama time out sul 3 a 8 ma a colpire è ancora Modena con il muro di Vettori su Holt (3-9). I canarini arrivano in vantaggio al time out tecnico (5-12), poi gestiscono nella seconda parte e chiudono a proprio favore sul 13 a 25.
Il terzo set va ancora a Modena. I canarini sono protagonisti di una lunga rimonta nella seconda parte del set. Nella prima è la Calzedonia Verona a comandare, fino al 16 a 14. I ragazzi di Andrea Giani mostrano un buon gioco fino al 16 a 14, salvo poi subire nelle fasi finali fino al 20 a 25 che chiude il parziale.
Ngapeth è protagonista nelle prime battute del quarto parizale. Azimut allunga in apertura sull’1 a 3; la Calzedonia cala di precisione in attacco e gli emiliani ne approfittano, gestendo bene le azioni di rigiocata fino all’1 a 6. I gialloblù ritrovano equilibrio e recuperano fino al 6 a 8 ma riescono trovare continuità in attacco principalmente dagli attacchi di Kovacevic (9-12). Piazza manda in campo Massari per Ngapeth mentre la Calzedonia rimane concentrata a recuperare il break di svantaggio. Petric aiuta i gialloblù di coach Giani con due errori (16-17) ma Modena risponde prontamente (16-19) allungando ancora. Si chiude sul 21 a 25.
 
Sigla.com - Internet Partner
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share