Grbic: "Prima i mondiali, e poi la mia BluVolley"

08/08/2018

Grbic: "Prima i mondiali, e poi la mia BluVolley"
VERONA – Questo l’articolo uscito oggi sul quotidiano L’Arena, che riporta le parole del coach gialloblù Nikola Grbic.

«L’estate? No, non è andata proprio alla grande fino ad ora», dice. «Chiaro che anche solo arrivare alle final six è stato un buon risultato ma penso che avremmo potuto fare meglio», aggiunge. La speranza, adesso, però è di rifarsi al Mondiale nonostante le avversarie siano tante e agguerrite. «Ci sono tanti team forti ed è difficile prevedere chi arriverà in fondo. Le favorite sono sempre le stesse: Russia, Usa, Italia, Brasile, Francia, Polonia e Serbia. La qualità è simile».

E tanti interpreti importanti come Boyer, Solè, Sharifi avranno tutti la casacca di Cazedonia, oltre ad alcuni ragazzi italiani molto interessanti. «Abbiamo fatto una buona campagna acquisti», concorda il coach, «abbiamo preso tanti giocatori di talento con i quali saremo più forti dell'anno scorso». Soprattutto dopo avere visto Boyer in azione. «In realtà», spiega, «l'impressione avuta vedendolo giocare non è diversa da quella che avevo già. Ha semplicemente confermato di essere un giocatore molto interessante e molto bravo nonostante la giovane età».

Un interprete che tutti si aspettano diventare uno degli interpreti della prossima SuperLega definita, visti i campioni che ci saranno, la migliore di sempre. «Ogni anno rientra qualche giocatore forte o arriva un big che non ha mai giocato in Italia come Lisinac, Leon o Leal. Campioni che daranno ulteriore qualità al campionato italiano. E quella prossima sarà di sicuro una delle stagioni più interessanti e coinvolgenti di sempre da quando sono in Italia».

E Grbic, rispetto alla scorsa stagione, è cambiato? «Ogni anno sento di imparare qualcosa di più e di migliorare sempre un po'. Credo che questo sia molto importante». Calzedonia il prossimo anno non giocherà in Europa, un vantaggio o uno svantaggio? «La cosa importante è che avremo molto più tempo per allenarci e questo non potrà che giovare alla squadra».

Come gioverà giocare alla domenica. Dopo tanti anni con troppi turni infrasettimanali finalmente si torna all'antico. «Mi auguro che i tifosi saranno tanti al palazzetto. Ci aspetta un campionato meraviglioso con tanti campioni sia nella nostra che nelle squadre avversarie. Il divertimento è assicurato».
 
Sigla.com - Internet Partner
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share