Cev, #VeronaKraljevo 3-1: il cammino in Europa continua

20/12/2017

Cev, #VeronaKraljevo 3-1: il cammino in Europa continua
VERONA - Calzedonia Verona esordisce all’AGSM Forum nella Coppa CEV, per la gara di ritorno dei sedicesimi di finale. L’avversario è il Ribnica Kraljevo, formazione serba, già incontrata nel match di andata del 6 dicembre, finito 3-0 per la compagine italiana.

Coach Grbic decide di mandare in campo Spirito in cabina di regia, opposto Stern, Birarelli e Grozdanov coppia di centrali e Marretta e Manavi in banda, Pesaresi libero.

Verona parte subito forte, spingendo in battuta: Grozdanov raccoglie il primo ace sul 2-1, mentre al resto pensa al muro (9-5). La battuta della Calzedonia fa male alla ricezione serba: Birarelli firma due punti consecutivi (11-5). La formazione serba fatica contro il muro veronese e Spirito e compagni controllano il vantaggio senza sprecare troppe energie e senza eccessive preoccupazioni: è Grozdanov a chiudere il set con un ace, proprio come lo aveva iniziato (25-16).

Il secondo set si apre con un mani out di Manavi. Verona fatica a imporre il proprio gioco e si adegua al livello dall’altra parte della rete: ne consegue un equilibrio di punteggio. Kraljevo trova il primo vantaggio con un ace di Stefanovic (9-8), ma poi sbaglia qualcosa di troppo: Calzedonia torna sopra nel conteggio dei punti (11-9), poi aumenta il distacco a suon di muri ed errori avversari (21-17). Kraljevo riesce a risicare il vantaggio acquistato (23-21), ma Marretta e Birarelli mettono le cose a posto: con il punteggio di 25-21 Verona ha la certezza matematica di passare il turno e andare agli ottavi, dove incontrerà Dukla Liberec (Repubblica Ceca).

Certo della qualificazione, Nikola Grbic decide di dare respiro ai suoi: spazio a Paolucci in regia e Frigo libero, al posto di Spirito e Pesaresi. Il break di Verona arriva subito: Birarelli a muro prima e un errore serbo portano i padroni di casa a +2 (8-6). L’ace di Manavi e un attacco di Marretta aumentano il vantaggio (11-7), sprecato da qualche imprecisione di Verona (11-11).  Kraljevo per la seconda volta nella gara trova il vantaggio (12-14), ma Grozdanov prima e Marretta poi ristabiliscono l’equilibrio (14-14). Un attacco di Milovanovic e un errore di Jaeschke mettono il set ball nelle mani di Kraljevo, che riapre la partita (23-25).

Calzedonia ristabilisce gli equilibri in apertura di quarto set: Jaeschke dilaga dall’opposto e firma subito un bel vantaggio (5-1). Paolucci dà un’accelerata alla gara: un muro prima, un ace poi aumentano il distacco tra le due squadre (11-5). Calzedonia impone il proprio gioco senza difficoltà: il parziale scorre via senza particolari difficoltà, Marretta poi firma il venticinquesimo punto (25-12). Appuntamento al 2018 per il turno di ottavi di finale.

Nikola Grbic: “sono contento di aver superato il turno ed essere agli ottavi di finale: non conosco la squadra che andremo ad affrontare, ma ora la testa deve essere alla gara contro Piacenza, un passo alla volta. Le difficoltà affrontate questa sera sono state una buona palestra per capire come affrontare ogni partita, soprattutto in Europa. I cali di tensione capitano, ma bisogna imparare a gestirli.”

CALZEDONIA VERONA – RIBNICA KRALJEVO 3-1 (25-16, 25-21, 23-25, 25-12)

Calzedonia Verona: Spirito 0, Stern 6, Birarelli 10, Grozdanov 13, Marretta 7, Manavi 14, Paolucci 3, Jaeschke 15, Pesaresi (L), Frigo (L) N.E. Maar, Mengozzi, Pajenk. All. Grbic

Ribnica Kraljevo: Stefanovic 8, Bicanin 3, Paunovic 11, Milovanovic 6, Bojic 13, Mocic (L), Trivunic 0, Markovic 0, Vukmirovic 0, Meduric 3, Petrasinovic 0, Skakic 0, N.E.: Zecevic, Savic (L). All. Macuzic

Arbitri: McDougall – Ewald

NOTE: Spettatori 1368 – durata dei set: 23’, 24’, 30’, 20’. Totale: 97’

STATISTICHE:

Calzedonia Verona: attacco 48%, ricezione 41% (perfetta 19%), muri 11, ace 10, battute sbagliate 21

Ribnica Kraljevo: attacco 35%, ricezione 37% (perfetta 17%), muri 4, ace 3, battute sbagliate 16




 
Sigla.com - Internet Partner
Condividi facebook share twitter share pinterest share