Calzedonia, tie break ancora amaro. Al PalaOlimpia Latina vince 2 a 3

31/01/2016

Calzedonia, tie break ancora amaro. Al PalaOlimpia Latina vince 2 a 3
 CALZEDONIA VERONA - NINFA LATINA 2-3 (25-22, 22-25, 18-25, 25-19, 13-15)
CALZEDONIA VERONA: Zingel 14, Kovacevic 20, Pesaresi (L), Gitto, Lecat 7, Spirito, Baranowicz 3, Bellei 10, Sander 20, Anzani 10. Non entrati Frigo, Starovic, Bucko. All. Giani. 
NINFA LATINA: Krumins, Mattei 4, Sottile 5, Sket 15, Pavlov 3, Romiti (L), Tailli, Hirsch 25, Yosifov 6, Rossi 2, Maruotti 12. Non entrati Ferenciac. All. Placì. ARBITRI: Cappello, Puecher. NOTE - Spettatori 2870, durata set: 28', 31', 29', 30', 19'; tot: 137'. 
 
La Calzedonia Verona cede al tie break in casa contro la Ninfa Latina. Per i gialloblù di Andrea Giani lo stop è arrivato ad una settimana esatta dal match perso contro Molfetta, terminato con lo stesso risultato. 
La gara si apre con la premiazione di Nicola Pesaresi, alla sua centesima presenza con la maglia di Verona. Le due formazioni scendono in campo con le formazioni tipo. L’unica eccezione è in casa della Calzedonia Verona che deve rinunciare a Sasha Starovic, fermo per un riacutizzarsi del problema alla schiena; al suo posto Bellei.
La prima parte del set è caratterizzata da continui break e contro break. Pericoloso quello di Latina che con l’errore di Sander si porta sul 3 a 5. Gli ospiti hanno in mano la palla del + 3 ma Pesaresi e Kovacevic confezionano il 5 a 7. Hirsch porta la Ninfa sul 13 a 17 e qui arriva una grande erazione della Calzedonia Verona. Il muro dei gialloblù tocca ogni attacco di Latina, Kovacevic diventa infermabile e proprio il serbo firma il pareggio sul 18 a 18. Il muro della Calzedonia fa il resto, Verona vince sul 25 a 21. 
Ancora la Ninfa in vantaggio in apertura di secondo parziale. I pontini guidano nel punteggio confermando azione dopo azione tre punti di vantaggio. E’ così quando schiaccia Maruotti per il 5 a 8; la Calzedonia Verona prova ad avvicinarsi, ha la palla in mano del meno uno ma scivola ancora prima del time out tecnico (9-12). Al rientro in campo la Calzednoia si avvicina fino al 15 a 16, poi Latina in maniera decisa. Arriva fino al 18 a 23, il turno al servizio di Baranowicz regala nuove speranze alla Calzedonia (22-23) poi un muro out e l’errore di Kovacevic consegnano alla Ninfa il secondo parziale (22-25).
Il terzo set è un crescendo della Ninfa Latina che dopo il pareggio iniziale sul 7 a 7, allunga punto dopo punto in maniera netta. Gioca con grande incisione in attacco, andando a segno con il 76% di positività. Maruotti, Sket e Hirsch colpiscono a ripetizione, il muro dei pontini fa il resto (5 totali nel parziale). Il punteggio finale 18 a 25, rispecchia il gioco in campo.
Anche nel quarto parziale, Latina va avanti nel punteggio. Subito 3 i punti di distacco tra le due squadre (2-5) ma Lecat, al servizio, ricuce lo strappo e la Calzedonia Verona pareggia sul 6 a 6. Sander sale in cattedra, Latina scende di qualità e la Calzedonia Verona allunga sul 14 a 9. Sket, da posto quattro, chiude il break di Verona ma solo un piccolo passo perché i ragazzi di Giani volano sul 18 a 10. Gli equilibri in campo non cambiano più, si chiude sul 25 a 19.
Kovacevic e Sander firmano il primo break di vantaggio della Calzedonia (3-1) che poi aumenta fino al 6 a 1. Il muro di Latina torna a toccare numerosi palloni e in rigiocata i pontini costruiscono la loro rimonta (6-5). Il vantaggio lo firma Hirsch con due ace (6-7). La Ninfa diventa padrona, solo nel finale i gialloblù si riavvicinano. Si gara termina sul 13 a 15.
Sigla.com - Internet Partner
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share