Al PalaOlimpia passa Modena davanti ad un pubblico spettacolare

29/03/2015

Al PalaOlimpia passa Modena davanti ad un pubblico spettacolare
CALZEDONIA VERONA - PARMAREGGIO MODENA 0-3 (23-25, 21-25, 17-25)
CALZEDONIA VERONA: Zingel 7, Coscione 1, Pesaresi (L), Gitto, Gasparini 12, Deroo 8, White 2, Bellei, Sander 7, Anzani 9. Non entrati Blasi, Centomo, Borgogno. All. Giani. 
PARMAREGGIO MODENA: Mossa De Rezende, Petric 12, Boninfante, Rossini (L), Ngapeth 19, Piano 5, Verhees 9, Kovacevic, Vettori 12. Non entrati Donadio, Sala, Casadei. All. Lorenzetti. 
ARBITRI: Sobrero, Simbari. 
NOTE - durata set: 30', 31', 27'; tot: 88'.

Davanti ai 5269 spettatori del PalaOlimpia, la Calzedonia Verona cede in tre set alla Parmareggio Modena e subisce così il secondo stop consecutivo in SuperLega. Per lunghi tratti della gara, Verona tiene il passo di Modena e gioca alla pari una gara difficile e ad alta intensità. 
Le due formazioni offrono un grande spettacolo in campo, con due set giocati sempre alla pari e un terzo durante il quale Modena ha preso via via il largo in maniera decisa contro una Calzedonia in difficoltà che chiude il parziale con un pesante 34 percento in attacco. La sconfitta dei gialloblù, e la contemporanea vittoria di Perugia da tre punti, ha già determinato la quinta posizione dei gialloblù al termine della regular season.
Prima dell’inizio della partita, Gasparini e Bruninho, capitani delle rispettive squadre, premiano Manuel Pozzerle e Roberto Cavicchi, rispettivamente veronese e modenese, oro e argento ai mondiali di La Molina nella specialità di snowboard paralimpico. 
L’inizio di partita entusiasma subito il pubblico del PalaOlimpia. Gasparini conquista il 9 a 6 dopo un’azione rigiocata ma Modena recupera e pareggia sul 9 a 9, con Petric. Poi un nuovo break firmato da Sander e da un doppio Anzani (12-9). Le emozioni si conseguono, Modena ha in mano la palla del pareggio ma spreca per il 13 a 11 di Verona. E’ Ngapeth, poco dopo, a mettere giù il 13 a 13 poi Petric conquista l’ace del vantaggio modenese. La partita vive sul filo dell’equilibrio, spezzato solamente dall’invasione di Coscione per il 17 a 19 Modena. Il punto del 18 a 20 fa alzare in piedi tutto il PalaOlimpia: Pesaresi compie due miracoli, Bruninho salva in tuffo spettacolare e alla fine risolve Vettori. Anzani mura Petric (21-21) poi la palla spinta di Deroo finisce fuori di un nulla (21-22). Modena conquista il 22 a 24, Ngapeth mette giù l’ultimo del 23 a 25. 
La Calzedonia spreca in avvio di secondo set e gli ospiti ne approfittano. Verhees mura Anzani e vola sull’1 a 5. Sander esce per un problema al ginocchio, al suo posto White. Deroo colpisce due volte (4-7), poi il pareggio arriva sull’8 a 8. Parmareggio torna in vantaggio di due, Verona recupera con un turno al servizio micidiale di Coscione (14-14). E’ un altro turno al servizio, questa volta di Gasparini, a spaccare ancora l’equilibrio (17-15). Modena torna a macinare gioco, Ngapeth diventa infermabile mentre Bruninho dispensa palloni alla perfezione. Il break finale è di 4 a 10 che porta Parmareggio sul 21 a 25. 
Parmareggio parte forte per 0 a 3, la Calzedonia perde di lucidità. Poi, però ritrova fiducia. Gasparini riporta avanti i suoi (6-5) poi Modena prende il largo. La Calzedonia Verona si ferma, soffre in ricezione mentre i canarini ne approfittano azione dopo azione. Sul 7 a 14 il set è segnato; Bruninho e Ngapeth strappano applausi mentre Gasparini e compagni provano in tutti i modi a ricucire lo strappo. Parmareggio offre una grande pallavolo e si impone sul 17 a 25. Alla fine, a fare festa, sono i duecento tifosi modenesi presenti a Verona. 
Sigla.com - Internet Partner
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share